HOME | Associazione | Appartamenti | Viaggi | Accademia | Spettacoli | Galleria d'arte | Teatro della Rosa | Festival
TEATRO DELLA ROSA

Il teatro della Rosa presenta

GENOVEFFA DI BRABANTE

Operina in musica per marionette (e attori)
di Erik Satie e Lord Cheminot


Con:
Satie conferenziere
Satie marionettista:
Satie Pianista:
Genoveffa (cantante):
Gianluigi Flauret
Gianna Deidda
Paolo Filidei
Chiara Mattioli

Traduzione dal francese: Pardo Fornaciari

La storia di Genoveffa di Brabante fa parte del repertorio tradizionale di cantastorie e marionettisti di tutta Europa. Questa piccola parodia in musica (parodia della storia, ma anche dei ‘modi’ dell’opera lirica) composta da Satie intorno al 1900 su testo del suo compagno di avventure artistiche e di povertà Patrice Contamine de Latour (Lord Cheminot) , fu ritrovata dopo la morte del musicista dietro il suo pianoforte.
Ando’ in scena per la prima volta al Theatre des Champs-Elysèes il 17 maggio 1926 nel corso di una serata organizzata dagli amici di Satie allo scopo di raccogliere fondi per pagare la sua tomba.

A Erik Satie,"impenetrabile
marionetta di se stesso"

Signore…
Signorine…
Signori…

Uno spettro si aggira per l’Europa del Giubileo, anzi tre: lo spettro di Erik Satie Uno e Trino. Si.
In bombetta, occhiali ed ombrello,Tre Satie vanno come un piccolo " esercito della salvezza " per le nostre metropoli invase dalle tenebre dell’empietà e dagli archi dorati di Mac.Donald’s.
Essi presentano al popolo giubilato, a edificazione delle anime corrotte, "Genoveffa di Brabante", opera postuma per marionette con musica e canti.
Attraverso il racconto delle disgrazie e l’agnizione finale della (quasi) Santa Genoveffa, insidiata dal malvagio Golo e abbandonata per sette anni nella foresta a nutrirsi di latte di cerva, i Tre Satie, accompagnati da una fanciulla dalla voce angelica (una vera Genoveffa vivente!) ammaestrano alla elevazione democratica che solo la sofferenza sa dare. Essa infatti non manca mai, né in alto né in basso.
Lo spettacolo offre abbondanza di effetti speciali e attrazioni: spettacolare decapitazione di Golo (con sangue), scena di Genoveffa a seno nudo, gioielli della corona in similoro ecc.ecc.
Inoltre, in quanto opera postuma, "Genoveffa di Brabante" gode di tutti i privilegi e le indulgenze dell’Aldilà.
Gli artisti garantiscono del trattamento umano della cerva. Gli animali, dice l’autore, sono così buoni… così buoni al ragù.

Nota : Lo spettacolo ha una durata di circa 35 minuti

montaggio : 30 min.
smontaggio: 30 min.

Le esigenze tecniche sono minime e da verificare a seconda dello spazio


Ha debuttato per il Festival Artistinpiazza , Pennabilli, giugno 2000

Altre rappresentazioni:

Festival di teatro di Figure "La luna è azzurra" , S. Miniato (PI) luglio 2000
"Effetto Venezia", Livorno, Agosto 2000
Festival "Musica sotto le stelle" Sassetta (LI) Agosto 2000 (in abbinamento con "Loutky")
Rassegna "LariEstate" agosto 2000
Rassegna "Carillon", Parco di Villa Strozzi, Firenze, settembre 2000
Casermetta " S. Jacopo" Lucca, Febbraio 2001 (in abbinamento con "Loutky")
Rassegna estiva organizzata dall’Accademia Libera Natura e Cultura, Querceto (PI), Cortile del Castello Ginori, agosto 2002